Dal buio una sagoma veloce attraversa il bianco fascio di luce di due fari gemelli.

“Stupide nutrie! Stupide, sporche ed antipatiche!” – borbottìo di riccio che rovista tra le foglie.

“Solo i buchi sanno fare; buchi, buchi, buchi, sempre buchi.” – stizza di riccio che sbuca dalla foresta.

“Stupide nutrie! Non sanno nemmeno attraversare la strada senza farsi schiacc…” – silenzio di riccio.

Nel buio una sagoma immobile sosta sulla nera striscia d’asfalto.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
“…meeerda, una spina nella zampa!” – imprecazione di riccio che zoppica verso la foresta.

IMALATIDIMENTE